Blog

Come modificare il file hosts per bypassare la propagazione DNS 1

Come modificare il file hosts per bypassare la propagazione DNS

Se ti occupi di creare o gestire siti web, sapere come modificare il file hosts può aiutarti ad acquisire un importante vantaggio. È solo grazie a questa piccola operazione, infatti, che il tuo computer potrà “vedere” i risultati delle modifiche apportate ai DNS prima della loro effettiva propagazione.

Finalmente non dovrai più aspettare per vedere applicate le modifiche effettuate sul tuo dominio inerenti al cambiamento dei record DNS o delle informazioni WHOIS. Seguendo questa breve guida riuscirai a scoprire come modificare il file hosts del tuo computer facilmente.

Cos’è il file hosts

Il file hosts è un documento dal funzionamento simile al DNS, il sistema dei nomi a dominio. Come il Domain Name System, il file hosts permette di associare un dominio ad uno specifico indirizzo IP.

Con il file hosts puoi cambiare l’indirizzo IP al quale si risolve un determinato nome di dominio, con effetti solo sul locale. Ciò vuol dire che solo il computer del quale è stato modificato questo file vedrà questo cambiamento, senza influenzare minimamente i dispositivi del resto del mondo.

Quando viene effettuata una query DNS, il file hosts presente nel computer viene interrogato prima dei server DNS che sono su Internet, per vedere se contiene o meno l’URL digitato nel browser. Se questo viene trovato il computer non interroga più il server DNS ma risolve direttamente l’IP indicato nel file hosts.

Modificare il file hosts ti permetterà dunque di bypassare l’attesa della propagazione, visualizzando i cambiamenti al DNS sul tuo sito web prima della propagazione stessa.

Come modificare il file hosts

Prima di modificare il file hosts, avrai bisogno di sapere il nome del dominio su cui lavorare e il relativo indirizzo IP.

Puoi ottenere queste informazioni seguendo questi semplici passaggi:

  1. Per prima cosa, accedi alla tua Area Clienti Netsons:
Come modificare il file hosts per bypassare la propagazione DNS 2

2. Clicca su “Hosting” nel pannello di sinistra:

Come modificare il file hosts per bypassare la propagazione DNS 3

3. Clicca sul pulsante “Gestione Hosting” accanto all’hosting interessato:

Come modificare il file hosts per bypassare la propagazione DNS 4

4. Clicca sul pulsante “Accedi a cPanel” in alto a destra:

Come modificare il file hosts per bypassare la propagazione DNS 5

5. Trova il nome di dominio e l’indirizzo IP nel pannello “Informazioni Generali” dentro il tuo cPanel:

Ora dovrai trovare il file hosts presente sul tuo computer, il cui percorso varia a seconda del sistema operativo utilizzato.

Dove trovare il file hosts

Su Mac OS

Operando su un sistema operativo Mac, puoi trovare l’hosts file nel percorso /private/etc/hosts, che puoi copiare e incollare direttamente nella barra degli strumenti in alto a sinistra su Vai > Vai alla cartella.

Su Windows

Lavorando su un sistema operativo Windows, puoi trovare il file nel percorso C:\Windows\system32\drivers\etc\hosts, che puoi copiare e incollare direttamente nel campo “Scrivi qui per eseguire la ricerca” in basso a sinistra.

Su Linux

Se utilizzi un computer con sistema operativo Linux, il percorso del file hosts è /etc/hosts, che puoi raggiungere tramite l’editor installato, digitando sudo nano /etc/hosts.

Il file hosts altro non è che un documento di testo, che può essere aperto con un semplice blocco note. Prima di modificarlo, tuttavia, ti suggeriamo di fare una copia di backup del file da ripristinare in caso di necessità.

Dopo aver aperto il tuo file con l’editor di testo, puoi modificarlo aggiungendo su una nuova riga, separandoli con uno spazio, i seguenti elementi:

  • l’indirizzo IP relativo al tuo dominio;
  • il tuo dominio senza www;
  • il tuo dominio con www.

Il risultato dovrebbe apparire in questo modo: 1.1.1.1 ilmiodominio.it www.ilmiodominio.it.

Come verificare i cambiamenti

Dopo aver effettuato modifiche al file hosts, puoi verificarne la correttezza in qualsiasi momento.

Apri il tuo browser, cancella la cache e naviga sul tuo sito digitando il dominio indicato nel file. Ora puoi finalmente vedere le modifiche apportate ai DNS del tuo sito web senza attendere la propagazione.