Gli step fondamentali per creare un e-commerce di successo

Un e-commerce di successo richiede un lavoro costante di analisi, progettazione, ottimizzazione, promozione e monitoraggio.

 

Analisi dei competitors:
Chi sono i miei competitors? Cosa vendono? Come vendono? Il primo step per una creazione di un e-commerce di successo è l’analisi dei competitors, cioé di tutti quei siti che vendono lo stesso prodotto o gruppo di prodotti che ti appresti a vendere. Per individuare i competitors principali è possibile utilizzare dei tools a pagamento, per esempio Semrush, strumento fondamentale per il monitoraggio dei siti concorrenti e del tuo.
Una volta raccolti questi dati, crea delle tabelle comparative in cui inserisci i punti di forza e di debolezza dei tuoi concorrenti:

  • Grafica accattivante
  • Invito all’acquisto ben posizionato nella pagina
  • Prezzi, posizione del sito all’interno delle SERP
  • Facilità di ricerca dei prodotti, descrizioni e info prodotto dettagliate
  • Costi e tempi di spedizione.

Questi sono solo alcuni dei principali argomenti da tenere in considerazione. Adesso potrai individuare anche il tuo target di riferimento: cosa vuoi vendere e a chi vuoi vendere:

  • Sarà utile analizzare i flussi di ricerca dei prodotti che intendi inserire nel tuo e-commerce.
  • Sarà importante capire il numero di clienti potenziali e gli eventuali ricavi.

Progettare e ottimizzare un e-commerce

Scelta dello spazio web

Una volta acquisiti questi dati sarà più semplice avviare la progettazione del tuo e-commerce.

Per avviare un e-commerce, un hosting di taglia medio alta è la scelta ideale e meno impegnativa dal punto di vista dei costi e della gestione. Quando i tuoi affari aumenteranno potrai optare per una soluzione privata più performante e modellata alle tue esigenze.

Se deciderai di utilizzare un CMS (una piattaforma già sviluppata e personalizzabile es: Magento, Prestashop), sarà importante scegliere un hosting provider che offra soluzioni ottimizzate per questo genere di applicativi web, con software autoinstallante.

Lo storage (spazio che ospita il tuo sito) di tipo SSD, possibilmente datacenter edition (ovvero dischi studiati appositamente per un utilizzo datacenter), potrà sicuramente aiutarti a migliorare i risultati di Pagespeed (strumento offerto da Google per l’analisi della velocità del tuo sito), velocizzando i tempi di caricamento delle pagine web senza lunghi tempi di attesa per il potenziale cliente.

Tutti gli hosting Netsons presentano queste e numerose altre caratteristiche vincenti per gestire lo spazio web ideale per il tuo business! Scopri le nostre soluzioni ottimizzate per CMS.

Struttura del sito e lancio online

E’ arrivato il momento di mettere online il tuo shop.

Si calcola che gran parte del traffico di un sito web provenga da mobile. E’ dunque fondamentale al giorno d’oggi adeguarsi a questa tendenza, onde evitare di escludere una buona fetta di potenziali clienti che potrebbero non riuscire a effettuare un acquisto in maniera agevole e veloce.

Un utente spende in media 40 secondi su una pagina web. Per vendere in quei 40 secondi, dovrai riuscire a convincere l’utente che il tuo prodotto è quello che stava cercando. Come fare?

1. Utilizzare la divisione in categorie di prodotto e sottocategorie, così da poter filtrare i prodotti disponibili in base ai desideri del cliente. Disporre ordinatamente i prodotti nella pagina è sicuramente il modo corretto per raggiungere questo obiettivo.

2. La barra di ricerca interna è fondamentale e deve essere ben visibile; si calcola che venga utilizzata in media da un visitatore su cinque.

3. Essere chiaro e trasparente creando delle schede prodotto con tutte le informazioni utili, senza lasciare dubbi e senza dilungarti più del necessario indicando i costi di spedizione e tutte le informazioni utili per il cliente (mettetevi nei suoi panni!). Vendere senza sorprese: i tuoi clienti devono riconoscere in te un venditore trasparente.

4. Le immagini sono fondamentali. Online si acquista prima di tutto con gli occhi, per questo è necessario inserire una o più foto in evidenza che ritraggano il prodotto in maniera nitida, non lasciando alcun dubbio sulla qualità dello stesso. Non ha senso cercare immagini viste e riviste su internet. Se possibile le immagini del tuo sito dovranno essere a sfondo chiaro oltre che inedite e personali.

Le foto determinano l’aumento o la diminuzione del tasso di conversione (ossia la percentuale di ingressi in rapporto alla percentuale di vendita) e sono la prima cosa che attrae l’attenzione del visitatore. Se l’immagine non è sufficientemente accattivante nella maggior parte dei casi avrai perso un potenziale cliente.

5. I Testi e le descrizioni sono, dopo le immagini, il segreto del successo. Utilizzare testi bilanciati, non troppo lunghi, gradevoli alla vista grazie ad un font armonizzato con il resto della grafica farà la differenza. I testi, se puliti e snelli, comunicano in maniera chiara e garantiscono un flusso di informazioni corretto.

Tutti i testi e i singoli prodotti devono essere ottimizzati per i motori di ricerca, inserendo all’interno del titolo (h1) e nel sottotitolo (h2) le keywords, ossia le parole chiave che aiutano il posizionamento nelle SERP ( risultati dei motori di ricerca ) e che catturano l’attenzione dell’utente.

Prima di inserire un prodotto è necessario avere sempre sottomano un elenco di parole chiave da utilizzare all’interno delle schede prodotto.

6. Call to action: prova a far fare all’utente ciò che vorresti ma con buon senso. Mettiti nei suoi panni!

Converti il suo accesso sul sito in obiettivo. Invito all’acquisto: il pulsante di acquisto, è il “call to action” più importante. Deve essere ben visibile, posizionato sempre nella stessa parte della pagina.

Le tue schede prodotto, infatti, dovranno essere identiche nella struttura, differenti nei contenuti. Il pulsante dovrà essere vicino al prodotto stesso, considerato che molti clienti potrebbero essere alla ricerca di un qualcosa che conoscono già e sono disposti a comprarla senza dilungarsi nella lettura delle descrizioni.

Se invece vuoi raccogliere indirizzi email per creare una newsletter, crea una “landing page” o un rimando ben evidente in cui inviti i tuoi utenti a iscriversi al servizio di ricezione email oppure offrire un qualcosa come del materiale digitale, è sicuramente un buon metodo di scambio per ricevere nome e mail dell’interessato.

Promuovere un e-commerce

La promozione di uno shop online può percorrere una o più strade; tra le più comuni troviamo: soluzioni a pagamento come l’advertising tramite Google Adwords, i contenuti sponsorizzati su Facebook oppure soluzioni non a pagamento che richiedono un lavoro più lungo e continuo nel tempo.

Tra le soluzioni non a pagamento troviamo l’autopromozione del brand su canali social come Facebook, Google Plus, Twitter, attraverso l’inserimento di contenuti accattivanti, supportato magari dal blog aziendale o da offerte speciali su un determinato prodotto.

In ultimo (ma non per ordine di importanza) il passaparola, che dalla notte dei tempi aiuta a farsi conoscere e che si alimenta con i feedback positivi dei clienti fidelizzati.

La fidelizzazione è la miglior arma di autopromozione. Rendi i tuoi clienti soddisfatti e loro torneranno, portando nella maggior parte dei casi un amico.

In linea generale è consigliabile che tutte le suddette forme di promozione siano utilizzate periodicamente e insieme. Nessuna di queste infatti da sola porta risultati duraturi; sono tantissimi i noti shop online che lavorano parallelamente e in maniera sinergica su tutte queste strategie.

Monitorare un e-commerce

Non basta monitorare i guadagni per avere un e-commerce di successo. E’ necessario anche tenere sotto controllo:

  • Le oscillazioni dei prodotti e dell’ecommerce stesso nella SERP,
  • I feedback e le recensioni dei clienti,
  • Promozioni e nuove strategie messe a punto dai competitors,
  • Controllare periodicamente il Pagespeed
  • Monitorare l’andamento delle prestazioni del tuo sito attraverso strumenti come Google Webmaster.

Ricordi il primo step? Un ottimo spazio web! 

Scegli uno dei nostri hosting per il tuo e-commerce di successo!

Come inviare email con PHP


Continua a leggere

Come importare ed esportare una copia di backup del database MySQL

Ecco una guida su come poter importare, esportare e quindi fare una copia di backup del proprio database MySQL.

Accedi alla tua “Area Clienti” su netsons.com e seleziona l’icona verde in alto “Hosting” per entrare nel pannello riservato ai tuoi prodotti Hosting.


Continua a leggere