Gestione DNS su Netsons

Oggi parliamo del nuovo metodo di Gestione dei DNS all’interno dei nostri Nuovi Pacchetti Hosting.

Con le nuove soluzioni di hosting potrai direttamente gestire le zone DNS direttamente dal tuo pannello cPanel senza dove eseguire più operazioni su diversi pannelli e senza costi aggiuntivi.

Cominciamo accedendo al cPanel associato al dominio del quale vogliamo modificare i record DNS.

Una volta effettuato l’accesso nel nostro pannello di controllo, entriamo nella sezione “Domini” dove troveremo le due voci:

“Editor di Zona Semplice”

“Editor di zona Avanzato”

dns-1Prima di entrare nello specifico dei due menù va fatta una necessaria digressione sui DNS e sulle loro specifiche.

Il nome DNS è un acronimo delle parole inglese “Domain Name System”, sistema dei nomi a dominio. Tale sistema si occupa di associare ai nomi dei domini un indirizzo IP (che ricordiamo è numerico) e viceversa. Se tale sistema non esistesse la stessa internet non avrebbe avuto modo di svilupparsi ed avremmo dovuto ricordare gli indirizzi IP dei singoli server per raggiungere i servizi! Il funzionamento del DNS è paragonabile ad un elenco telefonico che ci permette di cercare il semplice nominativo fornendoci il relativo indirizzo, nel nostro caso un indirizzo IP.

I valori contenuti in una zona DNS sono definiti record. Esistono diversi tipi di record e quindi di informazioni che possono essere visualizzate all’interno di una zona DNS associata ad un dominio. I principali tipi di zona sono i seguenti:

– Record A – Indica la corrispondenza tra un nome ed uno (o più) indirizzi IPv4.

Ad esempio:
www.netsons.com. IN A 148.111.11.111
e
webmail.netsons.com. IN A 148.111.11.112

indicano ai server che il nome del dominio netsons.com risponde all’IP 148.111.11.111,
mentre la webmail risponde dall’ IP 148.111.11.112.

– Record AAAA – Ha la medesima funzione del Record A, ma è disegnato per il protocolli IPv6.

– MX record (Mail eXchange) – Indica quali sono i server che si occupano della gestione della posta elettronica.

Ad esempio:

netsons IN MX mail.netsons.com
mail.netsons.com. IN A 148.111.11.111

Record CNAME – Sono usati per creare un alias, ovvero per fare in modo che il medesimo nome host sia disponibile con diversi nomi. Uno degli utilizzi di questo tipo di record consiste nell’attribuire ad un host che offre più servizi un nome per ciascun servizio. In questo modo, i servizi possono poi essere spostati su altri host senza dover riconfigurare i client, ma modificando solo il DNS.

Ad esempio:
netsons.com IN A 148.111.11.111
ftp IN CNAME netsons.com
webdisk IN CNAME netsons.com

In questa maniera se cambiasse l’IP dichiarato inizialmente associato a netsons.com ci basterà modificare solo tale IP ed i record cname legati al servizio FTP e WEBDISK saranno già aggiornati senza necessità di modifiche.

Record PTR – Il DNS viene anche usato per la risoluzione inversa, ovvero per far corrispondere ad un indirizzo IP il corrispondente nome di dominio. Per questo si usano i record di tipo “PTR” definito comunemente reverse. Quindi interrogando il numero IP si ottiene il nome del corrispondente servizio/server/nome_sito a seconda di come questo è configurato.

# host 89.40.172.13 (interrogazione effettuata da linea di comando linux)
13.172.40.89. in-addr.arpa domain name pointer hostingweb1-13.netsons.net.

Otteniamo così informazioni sul nome host legato all’IP. Ovviamente l’informazione ottenuta dipende da che nome è stato dichiarato nel campo PTR. Tale tipo di record può essere editato o gestito solo da chi gestisce l’indirizzo IP su cui è settato.

Settare un corretto record PTR per un indirizzo IP significa migliorarne la possibilità di non avere email classificate come spam. Unitamente ad accorgimenti come l’uso dei record SPF o DKIM.

Record TXT – Associa campi di testo ad un dominio. Questi campi possono contenere una descrizione informativa oppure essere utilizzati per realizzare servizi. Usualmente tale tipo di campi è associato ad esempio ai record SPF, DKIM.

Record SPF – Indicato nelle zone DNS come record di tipologia TXT. Questo record indica quale sia l’IP del server che effettua l’invio delle email per il dominio legato alla zona DNS. Questo record permette al server del destinatario di identificare in maniera univoca il mittente dell’email ed eventualmente accettare il messaggio, scartando eventuali messaggi di spam se mandati da IP differenti mostranti il vostro indirizzo email.

Tale record deve essere costruito con esattezza, eventuali errori pregiudicano la funzionalità di invio.
Ovviamente la presenza di tale record come sopra scritto ci permette di ottenere una migliore resa al momento della spedizione dei messaggi agli occhi dei sistemi antispam dei server di destinazione.

Ad esempio il record:

miodominio.com IN TXT v=spf1 +a +mx +ip4:46.252.149.13 -all

indica a livello DNS al server del destinatario che le email per il sito miodominio.com arriveranno sempre e soltanto dall’indirizzo IP 46.252.149.13.

Record DKIM – Anche questo record nella zona DNS viene associato alla tipologia TXT.
Tale record consiste in una firma digitale. Questa viene creata generando una chiave di dominio
che genera intestazioni di posta univoche e firmate per il dominio. La parte pubblica della chiave viene aggiunta al nostro record DKIM. I server destinatari potranno così recuperare la chiave pubblica dichiarata nel record DKIM e confrontarla con la nostra chiave privata contenuta nelle intestazioni del messaggio di posta.

Anche tale tipo di record come quello SPF deve essere costruito con attenzione per non avere problemi di invio/ricezione ed anche in questo caso, nessun timore, il cPanel provvede. Infatti questo tipo di record viene gestito automaticamente dal cPanel che pensa lui a generarlo per noi.

APPROFONDIMENTO:

Record DNS DMARC (anch’esso un TXT). Questo tipo di protocollo è basato sui due record appena trattati (SPF, DKIM) ed è partito come sviluppo iniziale a cura di PayPal che cercava un metodo valido per evitare le frodi elettroniche, con l’obbiettivo di evitare il recapito di email generate/inviate NON dai legittimi proprietari.
Infatti quando inviamo una email, nel campo “From” non ci sono controlli e potremmo inserire un qualsiasi mittente demandando poi il sistema antispam del destinatario al riconoscimento dell’effettiva autenticità del mittente dell’email.
Con il sistema DMARC dichiariamo nella nostra zona DNS quali siano le impostazioni ed i parametri dei nostri record SPF e DKIM e diciamo al server del destinatario di non ricevere le email se questi requisiti non sono soddisfatti. Diamo noi le istruzioni al server destinatario che si dovrà limitare ad applicarle. Anche per questo record come per DKIM e SPF è molto importante dichiarare giuste istruzioni all’interno della zona DNS per evitare problemi di invio.

Record NS – Utilizzato per indicare quali siano i server DNS autorevoli per il nostro dominio. Identificano in maniera inequivocabile il server DNS (ed anche l’operatore) che gestisce la nostra zona DNS, con i singoli puntamenti ai servizi (esempio web, mail, ftp ed altri).

Ad esempio:

I nostri record NS per i domini legati al nuovo pacchetto di hosting sono

ns1.netsons.net
ns2.netsons.net
ns3.netsons.net
ns4.netsons.net

Come ben immaginate la trattazione del DNS, dei vari tipi di record e loro funzionamento esula da un normale articolo e richiede approfondimenti ben più corposi che la rete potrà fornirci. Le nostre sono indicazioni di massima.

Tornando al nostro cPanel ed alla prima delle due funzioni descritte per editare la zona DNS:

Editor di Zona Semplice:

GESTIONE-DNS

 

I campi 1 e 2 fanno riferimento all’inserimento di un record di tipo A quindi puntante direttamente ad un indirizzo IP.
Campo 1: Inserire il nome host che vogliamo puntare ad un determinato IP. Può essere il nome del dominio oppure il nome di un servizio (miosito.it, ftp, webdisk). Nel nostro caso abbiamo inserito il nome host FTPTEST.
NOTA:
Il sistema dopo aver inserito il nome da noi desiderato lo completa automaticamente con il nome del dominio a cui esso appartiene.

Campo 2: Inseriamo il numero IP a cui puntare il nome host inserito precedentemente (ad esempio 148.111.11.111)

Il risultato finale:

GESTIONE-DNS

 

Stesso discorso vale per i campi 3 e 4

Campo 3: Inseriamo il nome host, anche qui il nome del nostro dominio o servizio che vogliamo puntare ad un altro nome. Nel nostro caso vogliamo puntare il record UPLOAD al record FTP. Nel campo 3 scriviamo quindi “upload”.

Campo 4: Inseriamo il nome host al quale far puntare il nostro record UPLOAD, nel nostro caso vogliamo che punti al record FTP.

Il risultato finale sarà:

GESTIONE-DNS

 

Editor di zona avanzato

In questo menù eseguiamo le medesime operazioni inserite con quello base, ma con un più opzioni a nostra disposizione:

gestione-dns

Campo 1: Definiamo il tipo di record che vogliamo inserire.

Campo 2: Inseriamo il nome dell’host (nome dominio o del servizio) oppure l’IP a seconda della tipologia di record inserito.

Campo 3: É il “TTL”. Questo valore indica il Time To Live, ovvero per quanto tempo il nostro puntamento ha validità. Esso esprime un valore in secondi. Ad esempio potremmo indicare un valore pari a 500. In tal maniera tutti i server degli altri operatori che interrogheranno tale record sapranno che ogni 500 secondi dovranno andare a rileggere il puntamento. Quindi un valore medio basso permette di favorire la propagazione del record nel caso vi sia bisogno di effettuare su di esso modifiche frequenti. Consigliamo di non scendere su tempi inferiori ai 5 minuti.

Campo 4: Rappresenta il nome dell’host a cui far puntare il nostro record nel caso stessimo inserendo un CNAME oppure un IP in cui stessimo inserendo un record A.

Ovviamente tutti i record inseriti possono essere cancellati e/o modificati in qualsiasi momento.
Per i record di tipo SRV puoi contattarci e Ti guideremo nella procedura o li inseriremo noi per Te.
Ultimo appunto: quando decidiamo di far gestire la nostra casella email su un server di posta esterno, che sia presso Netsons o presso un differente operatore, e che non sia quindi quello locale al cPanel sul quale stiamo lavorando, utilizziamo la voce presente in cPanel sotto la sezione EMAIL => Voce MX.

In tale menù per questa particolare esigenza scegliamo la voce “Mail Exchanger Remoto”, clicchiamo su “Modifica”, e istruiremo così il server di posta a trattare le email in ingresso ed uscita esternamente.

GESTIONE-DNS

Con Netsons la Gestione DNS è Gratuita, inclusa nel prezzo del dominio.

Registra o trasferisci il Tuo dominio su Netsons.

Commenti (1)

  1. Pubblicato da Ester Rubinias 17/10/2016 @ 08:41:27

    Salve. Scrivo questo messaggio qui perchè non so dove postarlo.
    Volevo farvi sapere che sono molto soddisfatta del servizio assistenza. Siete molto gentili e pazienti.
    Ho parlato con 4 di voi e devo dire che siete molto preparati e scrupolosi, non date risposte approssimative, e se avete un dubbio, prima vi consultate con chi di dovere e poi, dopo breve attesa, date la risposta certa e dettagliata.

    Premetto che io non ci capisco un granchè di cose tecniche, non conosco neppure l’inglese, per cui ho difficoltà doppie rispetto ad altri utenti più istruiti, ciò non ostante, e anche perchè le vostre pagine, a differenza di quelle di wordpress, sono in italiano riesco a gestire molto bene il mio blog.

    RARAMENTE mi imbatto in operatori così ben formati e pazienti nello spiegare. Per questo motivo e tutto il resto vi faccio i miei complimenti e vi farò molta pubblicità, visto che sono in contatto con diverse persone che che vogliono allestire un proprio blog.
    Grazie davvero per il vostro prezioso impegno.