Guida Seo al Redirect 301

Quando effettuare un Redirect 301, quali sono le caratteristiche di questo redirezionamento? Ecco la breve Guida Seo al Redirect 301.

Abbiamo già visto come effettuare un redirect 301 tramite cPanel, ora vogliamo spiegarvi l’importanza e la gestione dei redirect permanenti a livello SEO.
I redirezionamenti permanenti, vengono gestiti lato server, sono caratterizzati da un codice HTTP 301 moved permanently, quando un server ed un clienti si scambiano informazioni, il server comunica al client che la pagina che è stata cercata sul motore di ricerca, non è più associata all’url digitato, ma è stata spostata in via permanente su un altro url (quello su cui abbiamo impostato il redirect)
Quindi se hai bisogno di reindirizzare una pagina o un sito in maniera definitiva, devi scegliere necessariamente il redirect 301, se invece devi spostare provvisoriamente la pagina, devi utilizzare il redirect 302.

Cosa cambia? Per l’utente del Tuo sito web non cambia assolutamente nulla, ma per Google sì. Di fatto utilizzando un redirect 301 stiamo dicendo a Google che il contenuto del vecchio url è stato sposta definitivamente da un’altra parte, su un nuovo url.

Google, così come gli altri motori di ricerca scansionano periodicamente i siti web e al passaggio sul vostro sito aggiorneranno il nuovo URL del vecchio contenuto e trasferiranno tutti gli indici che avevano contribuito al posizionamento della vecchia pagina di destinazione, compresi link in entrata e page authority su questo url.
Eliminando semplicemente le vecchie pagine, cliccando sui risultati delle stesse nella SERP, ci troveremo davanti un errore 404, assolutamente negativo in termini di SEO e di immagine del sito web. Risultato? Una visita e/o ranking della pagina persi.

La creazione di redirect 301 manenti porta numerosi vantaggi:
– Gli utenti che atterrano sulle vecchie pagine vengono redirezionati immediatamente e automaticamente sulle nuove pagine con nuovi URL.
– Gli spider capiscono e comprendono che gli URL sono cambiati e aggiornano le informazioni relative a vecchie e nuove pagine, pian piano i motori elimineranno le vecchie pagine facendo salire nelle serp i nuovi contenuti e trasferendo i link in entrata delle vecchie pagine e la page authority sulla nuova pagina.

Cosa succede se non si effettua il redirect 301?
– Gli utenti che atterrano sulle vecchie pagine si trovano davanti ad una pagina di errore 404, che altro non è che una-pagina inesistente. Grave danno a livello di immagine. Pagine con errore 404 restano nelle SERP ma perdono posizioni con il tempo, facendo perdere contenuti posizionati preziosi. Non di meno si perdono anche tutti gli indici positivi di posizionamento.
– Gli spider scansionano vecchi URL e davanti ad un 404 interrompono la scansione del sito.

La gestione Redirect, DNS e Nameserver su Netsons è inclusa nel costo del dominio. Registra o trasferisci subito un dominio su Netsons.

Prossimamente vi spiegheremo che tipo di Redirect effettuare in caso di prodotti esauriti in un sito di e-commerce.

Come fare il Redirect su Netsons

In questa guida vi spiegheremo come effettuare Redirect su Netsons

Da oggi effettuare i redirect con il solo dominio è ancora più facile su Netsons!
Per reindirizzare il proprio nome a dominio verso un altro basta accedere alla Tua Area Clienti Nestons e successivamente al cPanel del dominio che vuoi reindirizzare.
Vai nella sezione “DOMINI” del tuo cPanel e clicca sulla voce “Reindirizzamenti” come evidenziato nella schermata seguente:

redirect1

 

Si aprirà una pagina con diverse impostazioni:

REDIRECT-DOMINIO

1 – Il  campo ‘Type’: serve per selezionare il tipo di reindirizzamento:

301
E’ un Redirect permanente da utilizzare nel caso in cui si voglia creare un reindirizzamento definitivo.
Il dominio punterà al nuovo dominio di destinazione sino a quando non verrà annullato il redirect o modificato il dominio a cui redirigere. (*)

302
E’ un Redirect temporaneo da utilizzare nel caso in cui si voglia creare un reindirizzamento temporaneo, i motori di ricerca non modificheranno le informazioni di indicizzazione relative al dominio momentaneamente reindirizzato.

2 – Il campo **Tutti i domini pubblici** consente di selezionare il dominio da reindirizzare. Comparirà un menù a tendina dal quale selezionare il nome del dominio associato al cPanel.

3 – In questo campo è possibile aggiungere un path specifico al dominio di base da  reindirizzare.

ad esempio : se stiamo reindirizzando netsons.com/esempio.html in questo box andrà inserito tutto ciò che compare dopo il .com compreso lo slash , quindi: /esempio.html

Questo campo non va compilato se si desidera reindirizzare il solo nome a dominio e non determinate pagine, categorie o articoli es. http://www.netsons.com

4- Nel campo “Reindirizza a” viene specificato il dominio di destinazione verso il quale effettuare il puntamento. Riprendendo il nostro esempio, se volessi reindirizzare netsons.com verso www.netsons.it in questo campo dovremo inserire http://www.netsons.it

IMPORTANTE : Lasciare la voce “reindrizzamento www” sull’ opzione di default :   “Reindirizzare con o senza www.”

Una volta impostati i campi precedenti bisogna cliccare sul pulsante “Aggiungi”.

Da questo momento in poi digitando il nome del dominio per il quale abbiamo effettuato il redirect in un paio di secondi il suddetto dominio verso il dominio di destinazione, il cui indirizzo comparirà anche nella barra delle URL del proprio browser.

Il cPanel per la creazione dei redirect utilizza dei file .htaccess automaticamente creati dal pannello all’interno della cartella di pubblicazione del sito. Qualora fosse già presente un file .htaccess all’ interno del sito a questo verranno aggiunte le informazioni di redirezione senza perdere le informazioni in esso già presenti.

Ti ricordiamo che i file .htaccess,  sono dei semplici file di testo contenenti le direttive per il server web apache che mostra i contenuti delle pagine del Tuo sito web.

(*)Inerentemente l’indicizzazione  SEO, consigliamo vivamente l’ utilizzo dell’opzione di Redirect 301, ovvero redirect permanente. In tal maniera informiamo gli spider del motore di ricerca che tutti i contenuti del sito saranno permanentemente presenti sul server di destinazione settato. E quindi su quest’ ultimo dovranno essere scannerizzati i contenuti presenti. Questo permette di non compromettere eventuali posizionamenti ottenuti nel tempo sul motore di ricerca (Google, Yahoo, Bing, e simili). Per maggiori info consulta la nostra Guida Seo Redirect 301.

La gestione Redirect, DNS e Nameserver su Netsons è inclusa nel costo del dominio. Registra o trasferisci subito un dominio su Netsons.

Netsons si rinnova

Netsons rinnova i propri servizi puntando su una maggiore qualità, su reti ridondate e potenziate, su nuovi server di hosting e database su storage SSD, Nameserver aumentati e localizzati in diverse aree geografiche, Network Uptime del 99,5%.

14391025_1095046020532200_1324491777678546250_n

I nuovi servizi: La nostra offerta è stata pensata per rispondere alle necessità dei Clienti attraverso servizi più performanti, competitivi e professionali. Tutte le nuove attivazioni hosting includono un dominio gratis per un anno, l’installazione dei CMS con un click da cPanel, il supporto Let’s Encrypt, la Website cache su SSD ed i database su storage SSD. (Maggiori informazioni qui)

Cosa cambia per chi ha servizi già attivati in precedenza?

Chi ha già acquistato un servizio di hosting in passato, continuerà ad usufruirne, rinnovandolo al prezzo di attivazione. L’Assistenza sarà sempre fornita.

Per chiunque lo desideri, sarà possibile convertire il proprio profilo di hosting verso uno dei nuovo servizi in qualunque momento.

Grazie per aver scelto Netsons!